mercoledì 2 luglio 2014

Chiedimi se sono felice

Incontro persone, vedo gente, tutti sorridono, parlano, ma io mi domando "saranno felici?".
Che domanda stupida, diceva mia madre. Eppure io ho continuato a chiedermelo.
E poi cos'è la felicità? Si misura? Sono attimi o è uno stile di vita?
Non lo so. A volte vorrei che qualcuno me lo spiegasse. Che non stesse lì a dirmi che ha un buon lavoro, che guadagna bene, che ha trovato una brava persona, che ha fatto 2 figli, che ha una bella casa, che quest'anno va in vacanza alle Maldive.
Fin da piccola mi hanno detto che ero fortunata. Fortunata perchè sono nata da due genitori che si volevano e si vogliono ancora bene, che non si sono separati e che hanno fatto tanti sacrifici per me. Mi hanno sempre detto che ero fortunata perchè vivevo a Milano, nella Milano della moda e degli affari. Mi hanno sempre detto che ero fortunata perchè grazie ai sacrifici dei miei genitori, ho potuto studiare e frequentare l'università senza dover lavorare.
Eppure io così fortunata non mi sono mai sentita.
Sono sempre stata troppo bassa e troppo grassa.
Sono sempre stata troppo sensibile e troppo onesta.
Sono sempre stata troppo inadeguata e troppo sbagliata.
Sputi nel piatto dove mangi, mi diceva mia madre. E' così che ho iniziato a rifiutare quel piatto.
Io non ci sputo dentro, ma mangiatelo tu.
Questa è la tua vita, non la mia.
Questo è ciò che volevi tu, per te stessa ed hai pensato di "riscattarti" tramite me, facendomi fare quello che tu non hai potuto fare. Mi dispiace per te, mi dispiace davvero, ma io avrei tanto voluto vivere la mia vita e non la tua.
Oggi ho 36 anni e le cose sono andate come dovevano, come potevano.
Incontro persone, vedo gente, tutti sorridono, io sorrido, parlano ed io ascolto. Ma mi domando "sono felice?".

6 commenti:

  1. Cara Claudia,
    é una domanda molto difficile che ti poni... penso che siano attimi.. se me lo chiedo a me stessa non saprei cosa rispondere..
    Hai avuto una vita più facile di altri in alcuni sensi ma immagino che dentro di te non sentivi nulla facile. Gli altri possono averti detto che sei stata fortunata in varie cose e da una certa parte può essere vero ma dall'altra nessuno si è chiesto come ti sentivi tu in quei momenti della tua vita.
    Ora hai una tua vita... te la sei costruita te e devi andare avanti come sempre sei andata, devi essere felice per e con i tuoi figli.. loro vogliono questo, vederti felice,, felice veramente quindi prova in ogni modo ad esserlo veramente.

    ti abbraccio forte!
    Laretta

    RispondiElimina
  2. Ciao...
    Sai anche io quando vedo le altre persone sorridere e parlare tra loro divertite penso "saranno felici o anche loro hanno scheletri nell'armadio?"... penso che tutti abbiano problemi, chi di salute, chi di famiglia...
    La felicità. Non penso che si possa provare tanta felicità per un periodo. Secondo me la felicità va ricercata nelle semplici cose di tutti i giorni, sono briciole da scoprire e conquistare...
    Coraggio, diventa una cacciatrice di felicità!
    Un abbraccio
    Pulce

    RispondiElimina
  3. Quando sei felice sai di esserlo, non hai dubbi. La felicità non sta certo nell'assenza di problemi... Si tratta piuttosto di una forma mentis che ti permette di valorizzare gli aspetti positivi della tua esistenza, in modo da trarne la maggior gioia possibile.

    È sbagliato usare i figli per riscattarsi, ma ora sei adulta e puoi gestire a modo tuo la tua esistenza. Costruisci la tua felicità, fai ciò che ti fa stare bene.

    RispondiElimina
  4. E’ molto facile sparare sentenze guardando le cose dall’esterno, e rifacendosi a modelli stereotipati di definizione di felicità.
    La vita è diversa, vista dal di dentro.
    Io credo che nel momento in cui ti poni la domanda, in realtà conosci già la risposta. Altrimenti non si porrebbe neanche il beneficio del dubbio.
    Hai già 36 anni, è vero, e hai solo 36 anni.
    Hai ancora tante possibilità davanti. Non devi rispondere alle aspettative di nessuno, sei una donna, scegli quello che vuoi per te stessa. E se lo scegli e poi vedi che non ti va bene, che ti sta stretto, cambia. Scegli qualcos’altro, prova.
    Non hai comunque niente da perdere, ed eventualmente qualcosa di nuovo da guadagnare.

    RispondiElimina
  5. E' davvero un post bellissimo. Me lo domando spesso anche io, mi domando cosa significhi essere felice, come ci si arrivi. Credo che sia anche questione di avere il coraggio di accettare la risposta, di vivere ignorando i pensieri e gli schemi che crediamo di dover seguire, che ci sembrava di volere. In realtà credo che chiunque di noi lo sappia in fondo, se è felice oppure no.

    RispondiElimina
  6. questo post è bellissimo...mi sembra di averlo scritto io. ti penso

    RispondiElimina