venerdì 16 maggio 2014

2004

E' da parecchio che non scrivo.
Ed un po' mi fa strano.
Scrivo blog dal 2004. A gennaio, ho festeggiato 10 anni da blogger. Chissà quanti libri avrei scritto se l'avessi fatto su carta o se avessi conservato i blog che ad ogni crisi d'identità cancellavo.
Proprio qualche giorno fa, ero a casa con la febbre, e cazzeggiando su vari social network (ai quali non sono iscritta per un problema di dipendenza, ma questa è un'altra storia), mi sono imbattuta proprio nel mio ragazzo di allora.
Era un bravo ragazzo, con un'infanzia da obeso alle spalle e forse ci vedeva lungo, sicuramente più di me!
Allora io uscivo da un periodo di anoressia con tanto di ricovero e lui si prese in pieno tutto il post-ricovero, le serie infinite di abbuffate-vomito-lassativi-digiuni ed ovviamente gli immancabili 10 kg in più.
Comunque, dopo 2 anni (non so come fece a resistere 2 anni con me, davvero me lo domando ancora oggi) si doveva trasferire per lavoro ed io ero felice da un lato (così avrei potuto fare ancora peggio con il cibo) ma disperata dall'altro (avrei potuto fare TROPPO peggio con il cibo).
Ed io cosa feci?
Lo mollai per rimpiazzarlo con un altro.
E la cosa più assurda è che lui cercò di convincermi a rimanere con lui, dicendomi che mi sarei potuta trasferire con lui, che saremmo stati bene, che insieme potevamo farcela, che lui sapeva.
SAPEVA
SAPEVA
SAPEVA
Ecco, il punto era che lui SAPEVA. Ed io non potevo tollerarlo, perché io volevo ancora raccontarmi balle.
Quindi mi presi uno che non sapeva, e che anche glielo avessi detto chiaramente non avrebbe comunque mai capito per eccessiva stupidità.

3 commenti:

  1. sicuramente ci teneva molto a te... ed è nostra abitudine (e mi ci metto in mezzo pure io) allontanare chi ci tiene davvero a noi... ma per te è stato diverso perchè tu adesso hai scelto di donarti a tuo marito e sono convinta che anche lui ci tiene moltissimo a te... un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao Claudia.
    Ho scritto un post proprio oggi quando era tanto come te che non lo facevo.
    Abbandono...e poi torno è sempre così.
    Lasciatelo dire: quel ragazzo a te ci teneva. Chi non scappa di fronte a questi nostri lati nascosti ma anzi resta e si propone di allungarci una mano per impedirci di cadere totalmente, è una persona cara.
    Questo è il mio ragazzo. Lui sa tutto e cerca di aiutarmi come può anche se capire è difficile la maggior parte delle volte.
    Ogni lasciata è persa però e splenderà di nuovo il sole vedrai.
    Queste lasciate ci fanno crescere e senza queste non ci plasmeremmo.

    M.

    RispondiElimina
  3. Io penso che tutto quello che facciamo lo facciamo per ragioni che vanno oltre il mero egoismo o la mera autoconservazione. Di certo, come hai scritto, l'hai lasciato perchè lui sapeva e tu invece in quel momento della tua vita volevi mentire a te stessa ancora per un po'. Ma io credo che ci sia anche altro. Io credo - da ignorante esterna, per carità - che tu abbia voluto una persona che "non capisse", anche perchè in questo modo non ti sentivi particolamente vincolata alla malattia. Pensaci. Una persona "che sa", alla fin fine pecca d'indulgenza. E' una persona che perdona e tollera ogni tua ricaduta, e magari ti dice anche due paroline supportive... e tu, sapendo che dall'altra parte c'è una persona del genere, alla fine della fiera inevitabilmente stagni nel DCA, perchè la persona che sta dall'altra parte è così comprensiva che non ti dà alcuna spinta per uscirne. Avere invece davanti una persona che viene da esperienze completamente diverse, e che dunque "non ti capisce", non sa, significa relazionarsi con una persona che ha un margine di tolleranza molto minore: il che significa che se te la vuoi tenere stretta devi lottare molto più duramente per reprimere il tuo DCA. Ergo, io credo che in fondo la scelta che hai fatto (giusta o sbagliata che sia, sono tematiche che vanno al di là di ogni giudizio di valore), tu l'abbia fatta con la tua parte "sana", quella che in fondo voleva vivere una vita in cui in DCA fosse quanto più marginale possibile. E io ci vedo molto di positivo in questo.

    RispondiElimina